Spedizione gratuita per ordini superiori € 49

ArborescensCONSERVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI

CONSERVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI

Per le erbe destinate a essere conservate occorre seguire alcuni accorgimenti al momento della raccolta. Le parti raccolte non devono essere bagnate, l’eccessiva umidità può dar luogo a fermentazioni e deterioramento della parte. I momenti migliori per la raccolta sono al mattino presto, quando la rugiada si è già asciugata e la sera verso il tramonto. Non lavare le parti in acqua, basterà strofinarle con un panno umido, per non ridurre le loro virtù terapeutiche. La conservazione migliore per le piante officinali è quella dell’essiccazione.

CONSIGLI PER L’ESSICCAZIONE

La pianta deve essere mondata da eventuali parti deterioriate o attaccate da parassiti e malattie. A meno di indicazioni particolari, le parti raccolte vanno essiccate in un luogo buio e ventilato, non lasciate a calore eccessivo e sotto il sole.

NEL FORNO: Non superare i 30°-35° per le parti più delicate come le parti aeree e i 50°-60° per le parti più dure e legnose come le radici e rizomi

IN LOCALI: Se possibile ombrosi, ventilati, asciutti in cui la temperatura resti il più costante possibile

Il tempo di essiccazione varia dalla parte di pianta utilizzata, in genere sono 15-20 giorni per radici, fusto e cortecce, 8-10 giorni per le foglie, 4-5 giorni per i fiori.

Prima di essere messi ad essiccare, i tuberi, le radici e i rizomi devono esser puliti con cura e tagliati a listarelle di 4-5 cm.

Fusti e steli con foglie e fiori andranno raccolti in fasci e appesi capovolti nel locale, altrimenti stesi in strati sottili su dei graticci, rigirandoli più volte nel corso dell’essiccazione.

Le erbe saranno completamente essiccate quando diverranno fragili. Per controllare l’essiccazione basta mettere una parte della pianta in un vasetto a chiusura ermetica e aspettare qualche giorno, sulla parete del vaso non devono comparire segni di umidità.

I semi vanno estratti dalle loro ombrelle essiccate, strofinandoli tra le mani o battendole su un foglio di carta. Andranno poi essiccati ulteriormente per altri 7 giorni, dopo averli passati attraverso un setaccio per pulirli da eventuali impurità.

Le parti essiccate vanno poi conservate in vasi di terracotta o vetro chiusi ermeticamente, i contenitori vanno etichettati, con nome e parte della pianta utilizzata, data di inizio conservazione e posti al riparo da fonti dii calore, luci e umidità.

Il tempo medio di conservazione della pianta in modo tale che mantenga inalterati i suoi principi attivi varia da circa 6 mesi a un anno.

<

I link vi riporteranno alle nostre piante essiccate, coltivate e trasformate da noi

https://www.arborescens.it/categoria-prodotto/preparati-per-uso-tecnico/

https://www.arborescens.it/categoria-prodotto/arborescens-it/

https://www.arborescens.it/categoria-prodotto/erbe-sfuse-singole-e-composte/

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Specializzato nella diffusione online ed in presenza, della Yoga Tibetano, Meditazione guidata e Metodo Hamaca terapia ®

No products in the cart.